18 maggio 2019

IL M5S VIADANA PROFONDAMENTE COLPITO DALLA PREMATURA SCOMPARSA DEL SINDACO GIOVANNI CAVATORTA


Il Movimento 5 Stelle di Viadana esprime profondo cordoglio e si stringe attorno ai famigliari, per la prematura scomparsa del Sindaco Giovanni Cavatorta.
Il confronto politico, a volte anche acceso, non ci ha impedito di apprezzare negli anni, la genuina passione politica e l’amore per il territorio che il Sindaco ha saputo esprimere, non rinunciando ad adempiere alle sue funzioni sino a quando le forze glielo hanno permesso.
Profondo  dolore e vicinanza alla famiglia esprime anche il nostro portavoce alla Camera Alberto Zolezzi “per una persona e un sindaco che ho avuto occasione più volte di stimare”.
Grazie di cuore Giovanni!!!!

21 aprile 2019

LETTERA APERTA AL NUOVO CDA DELL'ISTITUTO GERIATRICO "CARLO LOUISA GRASSI"



Il gruppo del M5S di Viadana, augurandovi un buon lavoro per il prossimo quinquennio, vuole sottolineare come siate stati chiamati a gestire una delle istituzioni più importanti del nostro Comune.   La RSA fornisce servizi sociosanitari essenziali alla collettività e auspichiamo possiate contribuire a massimizzare il livello qualitativo delle prestazioni risolvendo alcuni aspetti che, da informazioni forniteci, potrebbero essere migliorati.



Tralasciamo di commentare le polemiche apparse sulla stampa locale, che dimostrano come l’eccessiva “vicinanza” politica non giovi per nulla ad una corretta e serena gestione di un Ente così importante.

Avremmo, inoltre, preferito che le modalità di nomina avessero previsto una manifestazione d'interesse e la valutazione dei curricula, escludendo ogni valutazione politica per il mantenimento di equilibri e accordi.

Auspichiamo, quindi, vogliate accogliere alcuni nostri suggerimenti.



Relativamente al servizio di assistenza, potrebbe essere necessaria una riorganizzazione del personale, valutandone anche un incremento e una rimodulazione, al fine di consentire una maggiore vigilanza, in special modo nelle ore notturne, alleviando anche il carico operativo e di responsabilità degli operatori stessi.



In merito alla trasparenza sarebbe preferibile pubblicare una sezione con tutti i bilanci degli ultimi anni (non solamente quello comparato dell'anno precedente) in una versione estesa, in modo da renderli maggiormente fruibili.

Auspichiamo vivamente, inoltre, che gli “Investimenti da titoli immobilizzati” appostati a bilancio, abbiano carattere conservativo e non speculativo.



Valutare una modifica statutaria, che l'Art. 13 comma "a" vi attribuisce, volta ad inserire un cambiamento nelle modalità di nomina del CdA che preveda una manifestazione d'interesse da parte dei possibili amministratori, nonché a dare spazio anche ai famigliari dei degenti in quanto fruitori ultimi del servizio e molto più presenti in stuttura di qualsiasi compagine politica. Riteniamo infatti che l'Ammistrazione Comunale abbia diritto ad effettuare alcune nomine, in quanto l'Istituto riveste un grande rilievo a livello cittadino, ma con un massimo di due, una di maggioranza e una di minoranza.



Ci auguriamo comprendiate che queste nostre valutazioni hanno semplicemente lo scopo di contribuire ad un miglioramento della qualità dei servizi offerti e che vogliate prenderle in considerazione nel corso del vostro mandato.



Cordiali saluti.

Movimento 5 Stelle Viadana




16 aprile 2019

MOZIONE FORMALDEIDE: IL M5S VIADANA PRENDE ATTO DELL' INCOMPRENSIBILE DECISIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI BOCCIARE LA MOZIONE A TUTELA DI AZIENDE E CITTADINI







Il Movimento 5 Stelle di Viadana esprime contrarietà e preoccupazione per la bocciatura espressa dalla maggioranza dei consiglieri comunali nella seduta del 12 aprile.

La precisa richiesta di avvio di un tavolo istituzionale-tecnico è stata depositata per recepire l’invito rivolto dalla presidente della Commissione Europea On. Cecilia Wikström ai sindaci di Viadana e Pomponesco, affinché gli stessi, nell’ambito delle proprie competenze, intervengano al fine di scongiurare l’aggravarsi dell’inquinamento dell’aria e dell’acqua sul territorio viadanese.

Tutti gli interventi in aula hanno ignorato quanto da noi scritto nella mozione, avanzando critiche su presunti allarmismi e disinformazione, affermando che la competenza a deliberare fosse del Ministero dell’Ambiente ed affermando, a più riprese, che il ruolo di controllo da parte di tecnici e addetti ai lavori non è mai venuto meno.

Meno problematico l’atteggiamento di chi invece è uscito dall'aula. 

Udire il consigliere comunale Federici affermare che la nostra mozione “non ha senso”, ci ha lasciati allibiti. Non comprendiamo come si possa essere tacciati di allarmismo, dopo che un’autorità sanitaria quale il Servizio Epidemiologico ASL di Mantova (oggi ATS Val Padana) con l’ausilio dell’Università di Verona abbia certificato, nei bambini del Viadanese, “l’esistenza di un danno cellulare precoce” e un’associazione statisticamente significativa tra esposizione alla formaldeide e ricoveri per patologie dell’apparato respiratorio.

Altrettanto fuorviante riteniamo sia la pretesa che, della questione ambientale del viadanese, debba essere ritenuto competente il solo Ministero dell’Ambiente; non sarebbe allora comprensibile la motivazione per cui la presidente Wikström abbia coinvolto e sollecitato anche comuni e regione sull’argomento.

Come indicato nel TUEL, in materia di igiene e sanità pubblica spetta al Sindaco l’emanazione di ordinanze di carattere contingibile ed urgente con efficacia estesa al territorio comunale.

Teniamo a sottolineare il fatto che nella mozione non si invoca alcuna emanazione di ordinanze, bensì si chiede la convocazione di un tavolo istituzionale-tecnico che possa esaminare, con la dovuta ponderazione, le migliori strategie condivise per poter apportare miglioramenti ad una situazione di criticità certificata, senza alcun pregiudizio per le parti direttamente interessate.

Riteniamo che voler scaricare tutte le competenze alle altre Istituzioni sia intellettualmente disonesto oltre che disattendere le richieste specifiche della Commissione Petizioni del Parlamento Europeo.

Riguardo alle dichiarazioni dell'Amministrazione al non venir mai meno del ruolo di controllo da parte di tecnici e addetti ai lavori a più livelli, ripetiamo che in nessuna occasione sono state messe in dubbio le competenze e il lavoro dei tecnici, quindi risultano dichiarazioni inopportune e non veritiere.

Ribadiamo ancora una volta che non è nostra intenzione mettere in difficoltà le aziende, come detto da altre parti politiche, che comunque dovranno adeguare le proprie produzioni a parametri più stringenti che UE (come dichiarato anche in Commissione) introdurrà nei prossimi mesi, al contrario invitiamo tutti a iniziare un percorso condiviso per una concreta soluzione che possa conciliare i piani industriali, i diritti dei lavoratori e la tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini, nonché ad anticipare scelte che potrebbero rivelarsi vantaggiose sul piano della concorrenza con i produttori di altri Paesi.

8 aprile 2019

BANDO SICUREZZA STRADALE 2019: M5S VIADANA SOLLECITA AMMINISTRAZIONE COMUNALE A PARTECIPARE

IL M5S VIADANA SOLLECITA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE ALLA PARTECIPAZIONE AL BANDO REGIONALE PER LA SICUREZZA STRADALE 2019

Il M5S di Viadana ha protocollato un' istanza per sollecitare l’Amministazione comunale a partecipare al bando regionale che prevede un cofinanziamento a fondo perduto sino al 50% per realizzare progetti infrastrutturali finalizzati alla riduzione della incidentalità stradale viaria di Comuni, Province e Città metropolitane.

“Il bando pubblicato sul BURL lo scorso 28 marzo 2019, affermano gli attivisti del Gruppo di lavoro 5 stelle assieme ai consiglieri Alessandro Teveri e Susy Foti, assegna ai Comuni come Viadana un importo massimo di 100.000€; il termine per partecipare è fissato al 6 luglio prossimo.

Vista la situazione critica della viabilità del nostro Comune, con sempre più incidenti anche gravi, chiediamo all’Amministrazione comunale di attivarsi al più presto per redigere un adeguato progetto di interventi strutturali per la riduzione della incidentalità stradale, al fine di non perdere questa preziosa occasione”.


RINNOVO CONSIGLIO CASA DI RIPOSO. M5S VIADANA: "CONTRARI AL METODO PER LE NOMINE".

Il M5S Viadana esprime ferma contrarietà per il modo in cui è stato gestito il rinnovo del Consiglio di Amministrazione della Casa di riposo “Carlo e Louisa Grassi” di Viadana, prossimo alla scadenza.

“In risposta ad una nostra interrogazione del 13 Settembre 2018 – afferma il consigliere Alessandro Teveri – in cui chiedevamo di valutare la possibilità di effettuare le nomine attraverso una valutazione di curricula raccolti mediante un avviso per manifestazione d’interesse, ci è stato risposto, in data 11 Ottobre, che la Giunta avrebbe preso in considerazione la proposta.
L’esito, evidentemente, non è stato positivo visto che, lo scorso 30 Marzo, i capigruppo di minoranza hanno ricevuto l’invito ad indicare un nominativo idoneo a ricoprire la carica di consigliere, fissando come termine la data del 6 Aprile.
Tralasciando ogni considerazione in merito alla tempistica imposta dall’Amministrazione comunale, manifestiamo il nostro disappunto per la scelta fatta, in quanto riteniamo imprescindibile deliberare le nomine ad incarichi pubblici seguendo criteri di competenza e professionalità e non di mera “vicinanza politica”.
Abbiamo deciso di proporre la signora Flisi Anna, infermiera professionale, per anni dipendente della medesima Casa di Riposo di Viadana ed attualmente molto attiva nel sociale.
Riteniamo il suo curriculum professionale di tutto rispetto e pienamente idoneo a renderla qualificata per ricoprire il ruolo di consigliere”.

8 febbraio 2019

IL M5S VIADANA INTERROGA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE SULLA PRESENZA DI AMIANTO NEGLI EDIFICI PUBBLICI



Il Movimento 5 Stelle di Viadana, a seguito di segnalazioni pervenute dai cittadini, ha protocollato ieri una interrogazione con risposta scritta per avere conferma sulla presenza nel territorio comunale, di edifici e/o manufatti pubblici contenenti amianto.
Lo Stato italiano, afferma la firmataria consigliere comunale Monica Susy Foti, in attuazione di specifiche direttive CE, con la Legge n. 257 del 27 marzo1992 ha dettato norme per la cessazione dell’impiego dell’amianto e per il suo smaltimento controllato; inoltre la normativa vigente prevede, tra l’altro, il censimento degli edifici nei quali sono presenti materiali o prodotti contenenti amianto libero o in matrice friabile, con priorità per gli edifici pubblici, per i locali aperti al pubblico o di utilizzazione collettiva.

Chiediamo se l’Amministrazione comunale, nell’ottica della tutela della salute dei cittadini, abbia effettuato un censimento puntuale degli edifici pubblici e quali iniziative abbia posto in atto per ottemperare a quanto stabilito dalla legge in merito allo smaltimento dell’eventuale amianto presente.”https://drive.google.com/file/d/1f4KXxZYzoFYLiEFxUBrdiqHs39nEdvyx/view?usp=sharing



1 febbraio 2019

FORMALDEIDE NEL VIADANESE: OBIETTIVI COMUNI, PERCORSO DA DECIDERE ASSIEME

FORMALDEIDE NEL VIADANESE: OBIETTIVI COMUNI, PERCORSO DA DECIDERE ASSIEME

In merito alle dichiarazioni stampa delle aziende del truciolare pensiamo che per arrivare a una soluzione concreta sia necessario un percorso congiunto e costruttivo con le aziende.Partiamo da ciò che unisce aziende e comitati: tutti sono d'accordo nel dover conciliare le esigenze dei piani industriali, con i diritti dei lavoratori e la tutela dell'ambiente e della salute.

Perciò l'obiettivo è unico, bisogna decidere il percorso.Quali sono i punti contestati dalle aziende?

1) I NUMERI
Nella petizione europea (che è la fonte ufficiale) c'è scritto che in Europa si producono 4.115.000 tonn/anno di Formaldeide e che sul nostro territorio se ne produce il 12% di tutta Europa.  fonte:https://bit.ly/2MJJiDd

Dalla petizione si legge che Chimica Pomponesco è autorizzata alla produzione di 250.000 ton/anno di formaldeide e Sadepan Chimica SRL è autorizzata a produrre 370.000 ton/anno di formaldeide. La somma fa 620000 ton/anno.

Il 12% di 4.115.000 è 493800 ton/ann . Dire che sul nostro territorio si produce il 12% di formaldeide di tutta Europa, è addirittura una dichiarazione prudente perchè potenzialmente si potrebbero produrre 620000 ton/anno cioè il 15% di tutta Europa .

2) LE CONCLUSIONI DELL'INDAGINE EPIDEMIOLOGICA VIADANA FASE II

Fonte:https://bit.ly/2D3llC3   
Conclusioni:https://bit.ly/2UxNM26

L'indagine epidemiologica Viadana non è stata fatta da invasati allarmisti ma da ASL MANTOVA (oggi ATS VAL PADANA) , la Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica, la Cattedra di Tossicologia Sezione di Farmacologia tutte facenti parte del Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica Università di Verona. Le Conclusioni sono chiare:  "Analisi preliminari hanno inoltre evidenziato un’associazione statisticamente significativa tra esposizione a formaldeide e ricoveri per patologie dell’apparato respiratorio, nella popolazione pediatrica del distretto . Lo studio di genotossicità ha documentato l’esistenza di un aumento significativo del danno genotossico nei bambini esposti a maggiori livelli di formaldeide e NO2. In particolare, per la distribuzione spaziale evidenziata nel presente studio, la formaldeide può essere considerata un tracciante specifico dell’attività delle aziende del comparto del pannello truciolare".

3) LA POLEMICA : "In altra nazioni aziende concorrenti non hanno vincoli".

Le aziende mantovane hanno perfettamente ragione, proprio per questo i comitati si sono rivolti alla Commissione Europea, perché le normative europee più restrittive devono riguardare tutte le aziende europee e noi vogliamo tutelare le nostre aziende italiane che sono indubbiamente più avanti come emissioni. Aggiungo di più, la nostre aziende hanno sempre rispettato i limiti di emissioni, il problema è l'effetto cocktail e la concentrazione di formaldeide in un fazzoletto di terra di 6 Km.
Questa concentrazione, dai dati degli studi epidemiologici Viadana I e II, produce patologie di infiammazioni polmonari e danno genotossico nei bambini (danno del DNA reversibile ma che potrebbe causare inizio di cancerogenesi). fonte:https://bit.ly/2UxNM26


4) STESSA CONCENTRAZIONE DI FORMALDEIDE DI NEW YORK.
Questo dato è emerso nell'audizione di ATS VAL PADANA in Commissione Sanità di Regione Lombardia il 16/1/2019 (vedi foto con le fonti)


Questa deve essere una battaglia congiunta di aziende, lavoratori e comitati per essere più competitivi e dare dunque più lavoro al territorio, creare più impresa e ricchezza tutelando maggiormente la salute dei cittadini.

Gli arbitri della partita devono essere le istituzioni locali, regionali e nazionali che devono farsi promotori di tavoli tecnici-istituzionali per raggiungere tutti lo stesso obiettivo.

Se la Commissione Europea ha accolto la petizione e ha annunciato a breve limiti più restrittivi di formaldeide in tutta Europa, evidentemente vuol dire che le richieste dei comitati sono fondate e che c'è una questione da risolvere.

Perciò nessuno deve mettere contro nessuno, e tutti devono essere parte proattiva.

Ognuno di noi deve fare la propria parte costruttiva: i comitati devono tenere bassi i toni affinché il dialogo sia costruttivo, le aziende non devono sminuire i dati scientifici e le richieste dei cittadini, le istituzioni comunali essere promotori di dialogo fra le parti, le istituzioni regionali e nazionali devono aiutare con risorse economiche le aziende a fare ricerca e sviluppo per arrivare a soluzioni alternative alla formaldeide, e i cittadini devono informarsi e non ascoltare chi dice che si vuole distruggere tutto.

Il nostro consiglio è di non puntare il dito, ma darsi la mano. Bisogna costruire, perciò con obiettivi comuni ora si decida il percorso.

M5S VIADANA

16 gennaio 2019

VIADANA/FORMALDEIDE. FIASCONARO (M5S). IMPORTANTE INCONTRO IN COMMISSIONE SANITÀ’. SOLLECITEREMO ARPA A FORNIRE AL PIÙ’ PRESTO I DATI UTILI A CONCLUDERE LO STUDIO “VIADANA III”. INTERVENTI SI POTRANNO GIÀ METTERE IN ATTO AD AGOSTO NEL RINNOVO AUTORIZZAZIONE AMBIENTALE DITTA PANNELLO TRUCIOLARE.

VIADANA/FORMALDEIDE. FIASCONARO (M5S). IMPORTANTE INCONTRO IN COMMISSIONE SANITÀ’. SOLLECITEREMO ARPA A FORNIRE AL PIÙ’ PRESTO I DATI UTILI A CONCLUDERE LO STUDIO “VIADANA III”. INTERVENTI SI POTRANNO GIÀ METTERE IN ATTO AD AGOSTO NEL RINNOVO AUTORIZZAZIONE AMBIENTALE DITTA PANNELLO TRUCIOLARE. 

Si è tenuta oggi in commissione Sanità, al fine di richiamare l’attenzione sulla tossicità e sugli effetti dell’esposizione alla formaldeide, l’audizione, richiesta dal M5S, del dott. Paolo Ricci (ATS Val Padana) e del dott. Alessandro Marcon (Università di Verona), che si stanno occupando del protocollo di ricerca, dell’analisi dei dati raccolti e dell’aggiornamento del progetto “STUDIO VIADANA III”, prosecuzione delle indagini epidemiologiche “VIADANA I e II”, riguardante la ricerca sulla salute respiratoria in età pediatrica e sull'incidenza di tumori nel distretto sanitario di Viadana. 

Durante l’audizione è emersa la necessità di sollecitare ARPA a fornire i dati ambientali raccolti, i dati relativi alle emissioni SME aziendali e i dati sul PM10: procederemo al più presto a fare questo sollecito in modo che “Viadana III” possa proseguire ed essere completata entro quest’anno.  

Altro punto degno di nota, oltre alla necessità della riduzione del traffico (pipe-line e gronda nord), è stato il ragionamento fatto riguardo l’aggiornamento dell’autorizzazione ambientale di una delle due aziende del pannello truciolare, che dovrà avvenire entro agosto 2019. In quella fase sarà possibile prevedere prescrizioni per ridurre ulteriormente l’emissione di polvere di legno e formaldeide durante la fase di formatura a caldo del pannello. 

Occasione per confortarsi con i cittadini anche sull'audizione avvenuta oggi  sarà sicuramente venerdì 18 gennaio alle 21:00 presso l’Auditorium ITC di Viadana all'incontro “Che aria Tira?” con l’europarlamentare M5S Eleonora Evi e il Dott. Mario Franzini.
Entrando più nel dettaglio, questa mattina si sono passati in rassegna i risultati degli studi precedenti: 4 campagne settimanali di monitoraggio utilizzando 62 campionatori di formaldeide e biossido di azoto sparsi sul territorio tra Viadana e Pomponesco, hanno evidenziato nei 3mila bambini presi in esame l’esistenza di un danno cellulare precoce.
Le analisi preliminari hanno evidenziato un’associazione statisticamente significativa tra la distanza dalle fabbriche che utilizzano resine per la produzione di pannelli truciolari e i ricoveri ospedalieri per patologie dell’apparato respiratorio nella popolazione pediatrica del distretto. Le medie stimate a Viadana hanno evidenziato una concentrazione di formaldeide più alta rispetto a una metropoli come New York. Lo studio certifica la correlazione tra la maggior esposizione ad inquinanti atmosferici e l’aumento dei livelli medi degli indicatori di genotossicità nelle cellule della bocca dei bambini. Con “Viadana III” ci si ripropone di fare uno screening della nuova generazione di bambini e confrontare i risultati con i vecchi dati per verificare cosa sia cambiato, studiare gli effetti di questo tipo di inquinamento durante la gravidanza e controllare l’incidenza dei tumori, in particolare verificare se c'è un eccesso di leucemie, per le quali c’è una evidenza non conclusiva tra territorio e presenza di formaldeide.

Così Andrea Fiasconaro, consigliere regionale Movimento 5 Stelle Lombardia.