5 aprile 2013

Effetto 5 Stelle alla Camera



tagli_camera.jpg
"L'ufficio di presidenza della Camera dei Deputati facendo seguito alla richiesta dei 3 membri del MoVimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, Riccardo Fraccaro e Claudia Mannino ha tagliato del 10% il contributo per il finanziamento dei gruppi parlamentari. Inoltre è stato votato che le persone che dovranno essere assunte dai medesimi gruppi, i cui nomi sono contenuti negliallegati A e B, dovranno presentare il loro curriculum. Una novità senza precedenti se si pensa che solo lo scorso 21 dicembre la Camera aveva stabilito che il 55% del contributo per il funzionamento dei gruppi parlamentari dovesse essere destinato ad assumere persone inserite dai vecchi partiti in una lista dove non erano presenti i curricula. Di conseguenza i gruppi parlamentari avrebbero dovuto assumere personale per scrivere le leggi senza poter sapere se queste persone fossero qualificate. Entro 15 giorni da oggi tutte queste persone dovranno inviare il loro curriculum alla Camera dei Deputati. Fino ad oggi i gruppi parlamentari non potevano destinare più del 45% del loro budget ad assumere personale competente e qualificato che non fosse ricompreso nei suddetti allegati. Da oggi la quota di tali fondi che potrà essere destinata all'assunzione di cittadini che non fanno parte già di questi elenchi è stata innalzata al 71% del contributo per il finanziamento del gruppo. Il M5S aveva chiesto che la percentuale fosse più alta e si è astenuto. Ma è stato comunque deciso di non votare "contro" perché aumentare la parte di risorse per le assunzioni tra i cittadini più preparati e competenti per scrivere le leggi è già un notevole passo avanti. La nostra battaglia è appena iniziata visto che avevamo proposto all'ufficio di Presidenza della Camera di conseguire ulteriori risparmi apportando tagli al trattamento economico dei parlamentari." 
Gruppo parlamentare M5S Camera

1 commento:

Anonimo ha detto...

L'effetto l'ho visto!
Ho visto il sequestro di una parte di marionette telecomandate da Genova o da Milano, portate in un luogo non accessibile a nessun altro testimone, magari perquisiti per non far registrare nemmeno il sonoro della riunione.
Un incontro privo di testimonianza e trasparenza, quando, con l'operazione fiato sul collo, qualcuno si lamentava di non poter riprendere un banale consiglio comunale!
Pessima figura .... quasi di merda.
Io sono per il voto domani stesso, cosa nella verità, accantonata dallo stesso Beppe Grillo, visti i preparativi che sta facendo nelle commissioni.
Del resto esiste qualche vostro parlamentare che desidera
"veramente" tornare al voto e scollarsi la sedia da sotto il sedere?